Gatti & Co - Dove i gatti sono di casa > Gatti Disabili > Gatti disabili: Primo impatto all’arrivo a casa e vacanze

Gatti disabili: Primo impatto all’arrivo a casa e vacanze

Di solito i gatti disabili appena portati a casa sono molto spaventati e ci vuole più tempo degli altri gatti ad abituarsi; d’altra parte, almeno all’inizio, si sentono che qualcosa non va e temono di non riuscire a scappare abbastanza in fretta per fuggire da qualche pericolo, quindi tendono ad aggredire gli altri cani o gatti… con il tempo però passa.
Eventualmente i primi giorni potreste lasciare il gatto nella gabbietta-appartamento con un morbido cuscino, tipo quella che Barbara usa per Greta per la notte, in modo da farlo sentire un po’ più al sicuro e abituarlo alla presenza degli altri.
Per l’acqua e i croccantini sono utilissime le ciotole di metallo per pappagalli da appendere alle sbarre, in modo da evitare eventuali urti e rovesciamenti (soprattutto dell’acqua).
Quando il piccolino si abituerà alla nuova casa, ai compagni, ai trattamenti e alla routine quotidiana, sarà sicuramente più tranquillo e rilassato. E anche il suo intestino (qualora abbia problemi) si regolarizzerà.
E anche chi lo accudisce sarà meno spaventato e meno imbranato e sicuramente la qualità della vita migliorerà per entrambi.

Vacanze
Per le vacanze non bisogna farsi problemi: Greta viene portata a spasso ovunque dentro in un trasportino-borsone imbottito e anche Leo ha girato il mondo! Beati loro…