Gatti & Co - Dove i gatti sono di casa > Gatti Disabili > Gatti disabili: Barriere architettoniche

Gatti disabili: Barriere architettoniche

Le scale potrebbero costituire una difficoltà ed un pericolo per un gatto paralizzato, tuttavia, se non portano a posti pericolosi, tipo balconi, potete lasciargliele fare, eventualmente mettendo anche solo una striscia di tappeto a cui il micino possa aggrapparsi per salire o scendere.
Sedie, letti e divani invece di solito non costituiscono un oggetto troppo difficile da conquistare. Per un ulteriore scrupolo, si può mettere in terra ai piedi del letto, dove di solito sceglie di scendere il gatto, un grande cuscino o un tappeto ripiegato, che attutiscano l’impatto del sedere sul pavimento.
Sarebbe bene comunque fissare a terra in un qualche modo il cuscino o tappeto, per evitare che slittando crei un ulteriore problema: se il cuscino si muove il micio “perde aderenza con il terreno” e rischia di scivolare cadendo malamente.
Lisa per esempio ci aveva provato, ma non essendo in grado di fissare il cuscino al pavimento, quando Leo saltava giù e il cuscino si muoveva Leo si ribaltava tutto e non gli piaceva affatto…anzi se possiamo dirlo si incavolava di brutto!
Quindi la cosa migliore è provare ed osservare bene come si comporta il nostro micio! Comunque di solito imparano in fretta ad appoggiare per prime le zampe anteriori e far scendere il posteriore (imbottito dal pannolino) più lentamente.