Risultati da 1 a 6 di 6
Like Tree4Likes
  • 1 Post By robimaz
  • 1 Post By perla
  • 1 Post By Graziana
  • 1 Post By pabag

Discussione: Sopprimere il proprio gatto: come si affronta?

  1. #1
    New Born
    Data Registrazione
    Jun 2018
    Messaggi
    1
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Sopprimere il proprio gatto: come si affronta?

    Ciao a tutti!
    Inizio questa nuova discussione mossa da profondo dolore, semplicemente per trovare qualche parola di conforto tra le vostre esperienze.
    Sono una ragazza di vent'anni, il mio gatto ne ha 14, inutile dire che ci ho praticamente vissuto insieme.
    Ormai è passato meno di un mese da quando gli hanno diagnosticato un tumore all'intestino, inizialmente non volevo crederci, pensavo che il veterinario volesse solo soldi, così l'ho portato da un veterinario molto raccomandato nella mia città e purtroppo anche lì mi sono sentita dire le stesse cose: "Operare un gatto di 14 anni con un tumore vuol dire comunque affrontare un rischio enorme, a quest'età non si sa mai come potrebbe reagire un animale all'anestesia. L'unica cosa possibile è dargli del cortisone per i prossimi giorni (deltacortene) e vedere come reagisce, potrebbe restargli un giorno di vita così come dei mesi o persino anni."
    E' stata una scoperta casuale, il mio gatto mangiava, beveva, usava la lettiera normalmente, sembrava allegro.
    L'ho portato subito a visitare quando ha iniziato a vomitare per vari giorni consecutivi della schiumetta bianca.
    Immediatamente dopo la visita è tutto cambiato: non mangiava più come prima, così abbiamo iniziato a dargli del cibo che potesse piacergli di più, non andava più in bagno, beveva tantissimo, tant'è che dopo una settimana la lettiera sembrava quella usata da un gatto durante un mese intero, non si puliva più (cosa assurda perché il mio gatto e TUTTI i gatti sono attentissimi alla pulizia), niente più coccole la sera prima di andare a dormire.
    Insomma, era assodato: non stava bene.
    Ritornando ad oggi posso dire che, dopo un mese, le cose sono di gran lunga peggiorate.
    Stamattina ha vomitato tanto, eppure non ha mangiato niente.
    Deperito come non mai, quando lo chiamo non si gira nemmeno, si nasconde sotto al mobile del bagno e dorme lì e guai se lo tocchi.. sembra quasi infastidito.
    Non mangia, giusto un assaggio e poi torna a nascondersi.
    Ora è arrivato il momento di cui mai avrei voluto parlare, quello di prendere una decisione.
    Cosa fare?
    La cosa che mi uccide è la consapevolezza.. io so che non sta bene e che succederà quel che succederà perché non c'è altra soluzione, ma non sono in grado di affrontare una cosa simile.
    Non ce la faccio a pensare di entrare in casa e di non vederlo più correre alla porta verso di me.
    Non ce la faccio a pensare a come sarà accompagnarlo a morire, non so neanche se riuscirò ad entrare con lui, ma devo farlo perché se lo merita, merita una carezza, merita amore fino alla fine.


  2. #2
    Moderatore Globale L'avatar di robimaz
    Data Registrazione
    Feb 2008
    Località
    Mestre, Italy
    Età
    59
    Messaggi
    34,529
    Mentioned
    122 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Sopprimere il proprio gatto: come si affronta?

    Difficile rispondereClick here to enlarge
    L'eutanasia è una decisione tremenda da prendere, però è anche un atto d'amore.
    Solo una perplessità: l'unica obiezione all'intervento è l'età? Forse in quel caso si poteva tentare, vista l'alternativa. Però molto conta il parere del veterinario e anche quanto ti fidi di lui.
    Quanto alla scelta se essere o no con lui in quel terribile momento, ti consiglio di farlo. Io l'ho fatto, è stato tremendo ma ho capito di aver fatto la scelta giusta. Una mia amica non se l'è sentita ma ancor oggi lo rimpiange Click here to enlarge
    Marta&Apoo likes this.
    Click here to enlarge
    Robi

  3. #3
    Moderatore L'avatar di perla
    Data Registrazione
    Nov 2009
    Località
    ROMA
    Messaggi
    24,961
    Mentioned
    221 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Sopprimere il proprio gatto: come si affronta?

    L’eutanasia è una scelta terribile che nessuno di noi vorrebbe mai fare ,ma è comunque un grande atto d’amore verso i nostri animali,vederli soffrire è terribile e pensare che non li avremo più con noi atroce,ma forse è un po’ egoistico lasciare che si consumino soffrendo perché non vogliamo star male noi,io ho dovuto prendere questa infame decisione però oggi sono consapevole di aver fatto la cosa più giusta che potessi fare.
    Sono sicura che anche tu troverai la forza di farlo perché anche questo è amore.
    Marta&Apoo likes this.
    Click here to enlarge

  4. #4
    Adult L'avatar di Graziana
    Data Registrazione
    Nov 2015
    Località
    Polinago (Mo)
    Messaggi
    1,420
    Mentioned
    20 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Sopprimere il proprio gatto: come si affronta?

    L'anestesia è un incognita, vero, certo che penso sempre alla gatta di un mio amico che a 20 anni ha subito l'asportazione dell'utero per un tumore. Le ultime notizie che ho avuto sono state della gatta che era arrivata a 23 anni, ma è un caso.
    Il mio Ciccio di anni ne ha 18 e so che non potrei mai operarlo perchè ha problemi renali e l'anestesia non potrebbe sopportarla.
    Ti dico solo che effettivamente anche l'eutanasia è un atto di estremo amore per i nostri micetti che soffrono e ti lascio queste poche righe.

    " Ti ho mandato in un mondo dove non esiste il dolore, non perchè non ti amassi, ma perchè ti amavo troppo per costringerti a restare"


    Marta&Apoo likes this.

  5. #5
    Platinum Cat L'avatar di pabag
    Data Registrazione
    Oct 2012
    Località
    Aosta
    Età
    58
    Messaggi
    8,309
    Mentioned
    90 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Sopprimere il proprio gatto: come si affronta?

    Concordo con loro. E penso anch'io che sia necessario essere presenti per accompagnarli. Doloroso, difficile, ma io sono convinto che la nostra presenza aiuti. Dovessi decidere per l'eutanasia per me stesso non vorrei neanch'io essere solo...
    Marta&Apoo likes this.
    Click here to enlargeFelix e Fiona - Sembra che i gatti si attengano al principio che non fa mai male chiedere quello che si vuole.
    J.W.Krutch

  6. #6
    Kitten L'avatar di Marta&Apoo
    Data Registrazione
    Aug 2018
    Località
    Veneto
    Messaggi
    107
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Sopprimere il proprio gatto: come si affronta?

    ormai avrai già fatto la tua scelta,...
    la scelta dell'eutanasia è molto dolorosa e difficile da prendere,... non oso immaginare Click here to enlargeClick here to enlargeClick here to enlargeClick here to enlarge
    Anche per me sarebbe molto difficile da prendere... però... quale padrone lascerebbe soffrire il proprio gatto? Click here to enlarge bisogna prenderla, come hanno già detto le altre giustamente, come un atto d'amore. Evitargli inutili sofferenze.
    Dopo aver condiviso tanti anni felici insieme, se sta così male, mi sembra giusto salutarlo con tante coccole e lasciarlo andare in pace e non farlo soffrire più.
    è l'ultimo gesto da prendere per il suo bene. Click here to enlarge

Tag per Questa Discussione

Segnalibri

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  



Pubblicità