Gatti & Co - Dove i gatti sono di casa > Cure e Consigli > Come somministrare una pillola al gatto

Come somministrare una pillola al gatto

Ci sono diverse tecniche per somministrare le pillole al gatto, alcune di queste maggiormente efficaci di altre. C’è chi preferisce infilare la pillola in un prelibato boccone (carne trita, fettina di prosciutto, formaggio, ecc ) e proporlo al micio ma, con questa tecnica, c’è il rischio che il boccone venga mangiato e la pillola sputata.

Alcuni, se il medicinale lo consente, preferiscono sciogliere la pastiglia in poca acqua e, con una siringa senza ago, iniettarla nella bocca del gatto. Anche questa tecnica è sconsigliata perché molto imprecisa. Il micio potrebbe sputare l’acqua con la pastiglia disciolta e quindi non assumere la giusta dose di medicinale e parte della pastiglia disciolta potrebbe rimanere sul fondo della siringa.
Il sistema senz’altro più corretto è il seguente:
Afferrate il muso del gatto con decisione ma avendo l’accortezza di non provocargli dolore. Infilate il pollice e l’indice dietro ai canini superiori e sollevate la bocca per farla aprire. Posizionate la pastiglia alla base della lingua, il più in fondo possibile al cavo orale, e richiudete la bocca del gatto.
Per facilitare l’ingoio della pillola potete massaggiare la gola al fine di stimolare la deglutizione e tenere la bocca chiusa per qualche istante. Potete, in alternativa, iniettare con una siringa senza ago poca acqua per farli deglutire.

* Suggerimento extra:
Alcune pastiglie hanno, per i nostri amici animali, un sapore particolarmente sgradevole al punto da poter provocare un’iper salivazione appena la pastiglia entra in contatto con la lingua del gatto.
Potete ovviare a questo problema infilando la pastiglia in una capsula vuota. Le trovate in vendita presso le farmacie.