Cause del vomito nei gatti

Possono esserci diverse ragioni alla base del vomito nel gatto, da quelle meno preoccupanti come l’influenza a quelle di carattere più serio come l’ingestione di cibo avariato o, persino, l’avvelenamento. Un caso isolato di vomito occasionale nei gatti è solitamente normale e non rappresenta un episodio serio.

In linea di massima, se il gatto vomita uno o due volte come unico caso nell’arco di un periodo, ha comunque appetito e prosegue a mangiare regolarmente, gioca come sempre, urina e defeca con regolarità e non mostra segni di malessere, allora è molto probabile che non vi sia bisogno di preoccuparsi.

Diverso è invece il caso in cui il gatto vomiti con una certa frequenza, se non addirittura con regolarità e persistentemente. In caso di rigetto cronico e continuativo è il caso di sentire il parere del vostro veterinario di fiducia. Prendete nota di ogni altro sintomo che accompagna il malessere del vostro gatto, se presente. E’ infatti possibile che il gatto mostri altri sintomi come diarrea, scarso appetito e letargia. Il vomito, nei gatti, può nascondere altri importanti problemi di salute, è bene quindi osservare con attenzione il comportamento del gatto e riferire tutto al veterinario quanto prima.

Di seguito elencheremo alcune delle motivazioni che fanno insorgere il vomito nel gatto. Alcuni di questi motivi sono di natura non preoccupante, mentre altri possono invece nascondere problemi più seri.

Boli di pelo:
Una delle più comuni cause di vomito nei gatti deriva dell’eccessiva quantità di pelo ingerito che favorisce la formazione di boli. Tenete presente che, quando un gatto rimette, tutto il contenuto del suo stomaco viene espulso. Potrete quindi trovare sia cibo che peli, ma non è necessariamente detto che, pur trovando dei boli, siano questi il motivo del vomito. Potrebbero comunque esserci altre cause.

Problemi con il cibo:

  • Il gatto ha mangiato con troppa foga e velocità.
  • Un cambiamento nell’alimentazione.
  • Ingestione di erba oppure di piante (anche non necessariamente tossiche).
  • Ingestione di cibo scaduto o mal conservato.
  • Ingestione di cibo conservato in frigorifero e dato troppo freddo (assicurarsi che la pappa sia sempre a temperatura ambiente prima di darla al gatto).
  • Ingestione di lucertole oppure di un corpo estraneo (fare molta attenzione ad elastici in gomma, elastici per capelli, chiusini ed altri piccoli oggetti).

Problemi di parassiti:
Un’infestazione di vermi oppure di altri parassiti intestinali possono portare frequentemente il vomito nei gatti. Potreste persino notare dei vermi nel rigetto, in alcuni casi. Anche gli sverminanti, dopo essere stati somministrati, possono causare episodi di vomito.

Avvelenamento:
Attenzione a piante tossiche, antigelo, detersivi, medicinali, caffè, diserbanti, fertilizzanti e tutte quelle sostanze spesso presenti nelle nostre case che possono essere tossiche per gli animali.

Malattie gastriche ed intestinali:
Colite, tumori, costipazione, enterite, gastrite, sindrome dell’intestino irritabile, ostruzioni, cancro, ulcere.

Malattie metaboliche:
Acidosi, diabete, ipertiroidismo felino, squilibri ormonali, problemi renali, problemi al fegato, pancreatite, sepsi.

Infezioni:
Salmonellosi, piometra (infezione dell’utero), ascessi.

Altre cause:
Colpo di calore, epilessia felina.

Il vomito nei gatti può essere causato da moltissimi fattori diversi. Questo articolo è a puro scopo informativo e non può in alcun modo sostituirsi al parere di un veterinario.